PRIVACY E TRASPARENZA

TRASPARENZA

→Incarichi politici o amministrativi

L’art. 14 d.lgs. 33/2013 disciplina gli obblighi di pubblicazione riguardanti i titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo e i titolari di incarichi dirigenziali nelle amministrazioni pubbliche (comprese le università).

Sul punto è intervenuto l’art. 13 del d.lgs. 97/2016 (c.d. FOIA). Il d.lgs. 97/2016 non ha modificato l'elenco delle informazioni e dichiarazioni oggetto di pubblicazione, di cui alle lettere da a) ad f) dell’art. 14, comma 1. Ha invece introdotto alcune limitazioni e precisazioni per l'individuazione dei soggetti per i quali vige l'obbligo di pubblicazione.

Sul punto, l'ANAC ha pubblicato delle nuove Linee guida:

SOGGETTI ESCLUSI DALLA PUBBLICAZIONE

  • Titolari di incarichi o cariche di amministrazione, di direzione o di governo attribuiti a titolo gratuito, ovvero senza la corresponsione di alcuna forma di remunerazione, indennità o gettone di presenza (il quale, ove costituisca mero rimborso delle spese connesse all'espletamento dell’incarico, non fa venir meno la gratuità dell’incarico). La gratuità deve essere prevista da disposizioni normative e statutarie, che regolano l’organizzazione e l’attività delle amministrazioni e degli enti, o da deliberazione con carattere generale. Pertanto, non rileva un’eventuale rinuncia al compenso da parte del soggetto che riceve l’incarico o la carica. Si tratta di una importante novità introdotta dal d.lgs. 97/2016 che non si applica alle altre categorie di incarichi;
  • Titolari di posizione organizzativa di livello non dirigenziale: soltanto obbligo di pubblicare il curriculum vitae (ex art. 14, co. 1-quinquies).
  • Titolari di incarichi in comuni con popolazione inferiore ai 15.000 abitanti: sono tenuti alla comunicazione dei dati di cui all’art. 14, co. 1, lett. da a) ad e), ma non a quelli previsti alla lett. f (attestazioni patrimoniali e le dichiarazione dei redditi).

DIRIGENTI

Sono tenuti a comunicare all'amministrazione presso cui prestano servizio l’importo complessivo degli emolumenti percepiti a carico della finanza pubblica.

A tale obbligo corrisponde quello dell’amministrazione di pubblicare questi dati sul proprio sito istituzionale detto dato (art. 14, co. 1-ter), per il controllo del rispetto della normativa vigente concernente il limite massimo delle retribuzioni fissato per i dipendenti pubblici.

Tuttavia l'ANAC ha sospeso l’efficacia di queste Linee guida limitatamente a compensi, spese per viaggi di servizio, situazione patrimoniale e reddituale per tutti i dirigenti pubblici, compresi quelli del SSN (art. 14 co. 1, lett. c) ed f) del d. lgs. n. 33/2013):

SOGGETTI CESSATI DALL'INCARICO

  • Entro tre mesi dalla cessazione dell’incarico, tutti i soggetti destinatari dell’art. 14 sono tenuti a depositare una dichiarazione concernente le variazioni della situazione patrimoniale intervenute dopo l’ultima attestazione;
  • Per i tre anni successivi alla cessazione dell’incarico, devono essere pubblicati i dati di cui all’art. 14, co. 1 del d.lgs. n. 33/2013, unitamente alla dichiarazione della variazione patrimoniale e alla dichiarazione dei redditi rese successivamente alla cessazione (decorsi i tre anni saranno accessibili mediante istanza di accesso civico generalizzato).
  • Dichiarazioni rese dal coniuge non separato e dai parenti entro il secondo grado, ove gli stessi abbiano acconsentito alla pubblicazione, rimangono pubblicate solo fino alla cessazione dell’incarico e possono essere oggetto di istanza di accesso civico generalizzato.

SANZIONI

Sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a 10.000 euro (il relativo provvedimento è pubblicato sul sito internet dell'amministrazione o organismo interessato) per mancata o incompleta comunicazione dei dati (art. 47, co. 1, d.lgs. n. 33/2013).

DECORRENZE

  • Entro il 30 aprile 2017: per dirigenti e titolari di posizioni organizzative con deleghe o funzioni dirigenziali (soggetti per i quali la norma si applica per la prima volta);
  • Entro tre mesi dalla elezione, dalla nomina o dal conferimento dell’incarico (art. 14, co. 2)
  • Entro un mese dalla scadenza annuale del termine utile per la presentazione della stessa dichiarazione, per i titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo (soggetti già ricompresi nell’ambito di applicazione dell’art. 14 ai sensi del testo previgente e per i quali la pubblicazione sarà effettuata secondo le scadenze già previste in precedenza).

Dal 23 dicembre 2016: non è più richiesta la pubblicazione dei dati per i titolari di incarichi di amministrazione, di direzione o di governo che svolgono le funzioni a titolo gratuito

MODELLI DI DICHIARAZIONE

  • Per i soggetti titolari di incarico: situazione patrimoniale e variazione patrimoniale (Allegati n. 3 e n. 4)
  • Per i soggetti cessati dall'incarico: comunicazione e pubblicazione dei dati (Allegato n. 2).