PRIVACY E TRASPARENZA

TRASPARENZA

→Accesso generalizzato

Con il decreto 25 maggio 2016, n.97 modificativo del decreto legislativo 14 marzo 2013, n.33 viene introdotta una nuova forma di accesso civico ai dati e documenti pubblici.

Secondo quanto previsto dall’art.5-bis d.lgs 33/2013 “chiunque ha diritto di accedere ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni, ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione ai sensi del presente decreto, nel rispetto dei limiti relativi alla tutela d’interessi giuridicamente rilevanti”.

 E’ opportuno ricordare che rimane in vigore l’originaria forma di “accesso“ agli atti disciplinata dalla legge 241/90.

Si segnala che sono state pubblicate dall'ANAC le linee guida per l'attuazione dell'accesso civico generalizzato (FOIA).

LINEE GUIDA FOIA

[scarica PDF]

CIRCOLARE ATTUAZIONE FOIA

Il Dipartimento della funzione pubblica, in raccordo con l’ANAC ha adottato la circolare n.2/2017 avente oggetto “Attuazione delle norme sull’accesso civico generalizzato (c.d. FOIA)”

La circolare fa luce sui punti relativi alla competenza, alle modalità di richiesta di accesso, ai tempi di decisione, ai dinieghi non consentiti e infine alla creazione di un registro degli accessi. Il fine della direttiva è quello di aiutare le pubbliche amministrazioni ad attuare in modo uniforme e coerente la nuova disciplina.