DOSSIER "CURA ITALIA" E ALTRI DECRETI

CONCORSI

SOSPENSIONE CONCORSI

Lo svolgimento delle procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego è sospeso per 60 giorni a decorrere dall’entrata in vigore del nuovo decreto-legge (art. 87, comma 5). Sono escluse dalla sospensione:

a)  procedure in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica;
b) procedure per le quali risulti già ultimata la valutazione dei candidati;
c) procedimenti per il conferimento di incarichi, anche dirigenziali, che si istaurano e si svolgono in via telematica e che si possono concludere anche utilizzando le modalità lavorative a distanza (smart working);
d) procedure per le progressioni verticali interne (art. 22, comma 15, d. lgs. 75/2017).

N.B. L'art. 4 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 22 (c.d. Decreto Scuola) ha chiarito che la sospensione delle procedure concorsulai di cui all'art. 87, comma 5, del decreto Cura Italia si intende riferito esclusivamente allo svolgimento delle prove concorsuali.


In sede di conversione in legge, è stato introdotto l'art. 74, comma 7-ter, il quale prevede un aggiornamento della disciplina dei concorsi mediante decreto ministeriale da adottare entro il 31 luglio 2020.

A seguito delle misure di sospensione delle procedure concorsuali, in via sperimentale e comunque con effetto fino al 31 dicembre 2020, allo scopo di corrispondere all’esigenza del ricambio generazionale nelle pubbliche amministrazioni, di semplificare le modalità di svolgimento delle procedure concorsuali e di ridurre i tempi di accesso al pubblico impiego, si demanda ad un regolamento ministeriale, da adottare entro il 31 luglio 2020, l'aggiornamento della disciplina regolamentare vigente in materia di reclutamento e di accesso alla qualifica dirigenziale e agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni.
Si prevede che le procedure concorsuali siano volte a valorizzare e verificare anche il possesso di requisiti specifici e di competenze trasversali tecniche e attitudinali (ivi incluse quelle manageriali per le qualifiche dirigenziali) coerenti con il profilo professionale da reclutare, e che siano svolte, ove possibile, con l’ausilio di strumentazione informatica e con l’eventuale supporto di società e professionalità specializzate in materia di reclutamento e di selezione delle risorse umane.