MILLEPROROGHE 2021 (d.l. 183/2020 convertito in legge)

LAUREE, ESAMI DI STATO E TIROCINI

Esami di Stato e tirocini professionalizzanti e curriculari

L’art. 6, comma 8, del d.l. 183/2020 in commento, proroga fino al 31 dicembre 2021 la possibilità di definire, con decreti del Ministro dell'Università e della Ricerca oppure, in base alle rispettive competenze, del Ministro dell’istruzione, nel rispetto delle disposizioni del d.lgs. 206/2007 sul riconoscimento delle qualifiche professionali), disposizioni di deroga relative a:

  1. modalità  a  distanza,  per  le  attività  pratiche  o  di tirocinio previste per l'abilitazione all'esercizio delle professioni, nonché per  quelle  previste  nell'ambito  dei vigenti ordinamenti didattici dei corsi di studio, ovvero  successive al conseguimento del titolo di studio, anche laddove  finalizzate  al conseguimento dell'abilitazione professionale (proroga dell’art. 6, comma 2, d.l. 22/2020);

  2. organizzazione e modalità degli esami di Stato di abilitazione delle seguenti professioni (proroga dell’art. 6, comma 1, d.l. 22/2020):

    • architetto

    • assistente  sociale

    • attuario

    • biologo, chimico, geologo

    • dottore agronomo, dottore forestale, agrotecnico e agrotecnico laureato

    • dottore commercialista, esperto contabile, revisore legale (prova pratica)

    • farmacista

    • geometra e geometra laureato

    • ingegnere

    • odontoiatra

    • perito agrario e perito agrario laureato, perito industriale e perito industriale laureato

    • psicologo

    • tecnologo alimentare

    • veterinario

Il dossier del Servizio Studi della Camera sottolinea che le norme di proroga in commento non riguardano gli esami di abilitazione:

  • per l’iscrizione nell'elenco nominativo degli "esperti qualificati" e dei "medici autorizzati" (dal datore di lavoro per la sorveglianza, rispettivamente, fisica e medica dei lavoratori esposti al rischio da radiazioni ionizzanti);

  • per l’abilitazione all’esercizio della professione di consulente del lavoro.

Inoltre, ai  fini  del  conseguimento  dei  requisiti   necessari alla partecipazione agli esami di Stato di abilitazione all'esercizio di una professione diversa da quelle sopra citate, per le sole sessioni di esame ove ha rilievo il periodo dal 9 marzo 2020 fino alla data di cessazione dello stato di emergenza (attualmente fissata al 30 aprile 2021) e comunque non oltre il 30 aprile 2021, le amministrazioni competenti all'organizzazione degli esami di Stato possono non tener conto di tale periodo, al fine di consentire il riconoscimento dei requisiti e l’ammissione dei candidati che abbiano  conseguito  la  laurea entro il 15 giugno 2021 (art. 19 allegato 1, numero 19, d.l 183/2020, che proroga l’art. 6, comma 4, d.l. 22/2020).