Marika Piva

Picture of Marika Piva

Courses

Il seminario si offre come una forma di supporto didattico alla meritoria iniziativa che ha portato all’inserimento nelle pagine Moodle dei corsi di Lingue e Mediazione del manuale “Come scrivere la tesi di laurea”, https://elearning.unipd.it/scienzeumane/mod/book/view.php?id=61240

Il seminario offre agli studenti uno spazio istituzionale per riflettere collegialmente e sotto la guida di un docente su un momento importante della loro carriera universitaria.

Il seminario si focalizzerà sugli aspetti tecnici della redazione della tesi e su quelli concettuali.

La proposta prevede, a seconda delle adesioni e delle necessità, uno o due incontri generali ed eventualmente un terzo incentrato sulle specifiche discipline e/o insegnamenti.

La prima parte mira a fornire delle linee guida sul versante dell’informazione e dell’avviamento alla stesura di una tesi di laurea che non sostituiscono il rapporto diretto con il docente di riferimento con il quale lo studente affronterà nello specifico tanto la scelta dell’argomento, quanto la messa a punto della tesi stessa e della bibliografia. Essa vuole piuttosto offrire oltre alle indicazioni tecniche e alle esemplificazioni necessarie un’occasione di riflessione sulle implicazioni della scrittura critica.

La seconda parte è invece pensata come una sorta di ricevimento allargato aperto agli stimoli individuali degli studenti e a una discussione collettiva dei singoli problemi redazionali.

 

Programma

Prima parte

I. Linee guida alla ricerca e all’organizzazione del lavoro

1.     La ricerca: l’argomento e il materiale

2.     La bibliografia: panoramica sui principali siti e risorse on-line

3.     L’indice: varie possibilità di organizzazione del saggio

4.     L’impaginazione: esemplificazioni di norme redazionali

II. Alcuni nodi critici, metodologici e teorici

5.     La gestione delle fonti e della bibliografia: responsabilità e onestà intellettuale, tripartizione tra testi teorici, testi critici e bibliografia primaria.

6.     Introduzione alla scrittura del saggio universitario: argomentazione, oggettività e soggettività.

 

Seconda parte

Problematiche specifiche


Category: A.A. 2017 - 2018 / Altre Attività

"Paraletteratura e identità contemporanee" è un Piccolo Progetto di Dipartimento finanziato dal DiSLL nel 2018.

I componenti del gruppo di ricerca sono:

Gabriele Bizzarri (Lingua e Letterature ispano-americane)

Marilena Parlati (Letteratura inglese)

Marika Piva (Letteratura francese)

Donatella Possamai (Letteratura russa)

Marco Rispoli (Letteratura tedesca)

A partire dall’assunto che la paraletteratura offre un punto d’osservazione privilegiato di elementi extraletterari quali l’assimilazione della letteratura ai sistemi d’intrattenimento, l’allargamento del campo della percezione estetica, l’interpretazione della comunicazione di massa, si intende analizzare come l’intensificazione dell’uso di codici in generi considerati popolari venga spesso utilizzato dagli autori contemporanei come veicolo d’interrogazione e verifica dell’identità se non come mezzo per sperimentare e proporre nuove strategie identitarie. L’uso di sottogeneri garantisce infatti un approccio strutturalmente dislocato, antinormativo, alla sfida del racconto sia dell’identità del soggetto che di quella collettiva; l’ipercodificazione smaccata, la costruzione modulare, l’iterazione del cliché costituiscono segnali che decostruiscono vecchie illusioni d’organicità e sistematicità e impongono ironici correttivi distanzianti ai pronunciamenti forti che sono soliti strutturare i progetti di consistenza legati a questi motivi.

Il primo obiettivo del progetto è uno scambio e un confronto tra diversi ambiti letterari per abbozzare una mappatura di fenomeni latamente culturali su un campo allargato per permettere un avanzamento condiviso della ricerca e una visione trasversale di problematiche di ampia portata. Il nucleo iniziale di indagine/confronto sarà l’utilizzo di etichette terminologiche in quanto portatrici di prassi critiche e percezioni allargate disparate che rimarcano o presentano come superata la divaricazione tra letteratura alta e bassa sottesa a termini come paraletteratura.

Si intende scandagliare diversi sottogeneri (giallo/poliziesco/noir, fantasy, horror, fantascienza...) in più ambiti linguistici (spagnolo, russo, francese, inglese, tedesco) col duplice intento di individuare invarianti/cliché e analizzarne l’impiego nella creazione (o nel dissolvimento) di processi d’identificazione in valori e status. Il corpus si vuole variegato e multilinguistico per permettere a ogni componente di focalizzarsi su un aspetto in un ambito, individuandone le caratteristiche salienti e consentire poi di verificare quanto queste siano valide nelle altre letterature. 


Category: Progetti