Avvisi e notizie dal Corso di Laurea in Archeologia

Il Parco Treves Un caso di studio e di tutela tra archeologia, storia delle arti visive e del paesaggio

 
Picture of Michela Milanato
Il Parco Treves Un caso di studio e di tutela tra archeologia, storia delle arti visive e del paesaggio
by Michela Milanato - Wednesday, 3 October 2018, 3:20 PM
 

Il Parco Treves

Un caso di studio e di tutela tra archeologia, storia delle arti visive e del paesaggio


Venerdì 5 ottobre, ore 17.00

Sede della Soprintendenza, via Aquileia 7, Padova 

 

Intervengono

 

Debora Tosato

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l'area metropolitana di Venezia e le province di Belluno, Padova e Treviso

 

Stefano Tuzzato

Archeologo

 

 

Saranno illustrate la storia e le vicende conservative del parco, intitolato alla famiglia Treves de’ Bonfili, che nell’Ottocento aveva dato a Giuseppe Jappelli l’incarico di creare il giardino botanico - celebrato per la sua bellezza dalle fonti dell’epoca - in un’area di grande pregio naturalistico, attraversata dal Canale dei Gesuiti e posta a ridosso dell’antica cerchia delle mura. La proiezione di fotografie storiche permetterà di ricostruire la memoria di alcune architetture che originariamente ornavano il giardino, secondo il gusto eclettico dell’epoca. Particolare attenzione sarà inoltre riservata agli interventi di restauro e di scavo archeologico, con un approfondimento dedicato ad alcuni casi esemplari. 


 

L'iniziativa è parte del ciclo di un conferenze a carattere archeologico, organizzate presso la sede di Padova della Soprintendenza nell'ambito del Piano di Valorizzazione 2018 del MiBAC.

 

Prossimi appuntamenti:

 

·         Venerdì 12 ottobre, ore 17.00: "Gli esiti dell'alternanza scuola lavoro nel prosieguo dello studio della necropoli Emo-Capodilista a Padova", a cura di Mariolina Gamba e Elena Pettenò;

 

·         Venerdì 19 ottobre, ore 17.00: "Treviso archeologica. Lo scavo di piazza Santa Maria dei Battuti", a cura di M. Bressan, A. Pellegrini, O. Farronato, D. Innocenti, L. Anglani.