Section

  • 1

    Caratteristiche e finalità

    Il Corso di Laurea Magistrale in “Tecniche, Patrimonio, Territori dell’Industria - Techniques, Patrimoine, Territoires de l'Industrie” (TPTI) è volto a fornire una preparazione specialistica intorno alla storia e valorizzazione del patrimonio industriale (a Padova - IT), alla storia delle tecniche (a Parigi - FR), alla gestione e valorizzazione del patrimonio culturale e storico (a Evora - PT).
    L'offerta formativa si articola intorno a specifiche e approfondite competenze di carattere storico-economico, architettonico-urbanistico, tecnico, gestionale e linguistico ai fini dell'individuazione di sedimenti costitutivi dei diversi sistemi culturali territoriali e dello svolgimento di attività di ricerca sulle tecniche, sul patrimonio industriale e sul patrimonio culturale materiale e immateriale, padroneggiando le tecniche di investigazione sui siti e sui reperti materiali, assieme all'uso critico ed incrociato delle fonti scritte, orali e visive (iconografiche, cartografiche, fotografiche e cinematografiche); ai processi di patrimonializzazione dell'industrial heritage ed alle strategie di conoscenza, inventariazione e valorizzazione dei beni materiali ed immateriali prodotti dalla cultura tecnico-produttiva nelle diverse epoche e civiltà, anche in funzione di nuovi processi di sviluppo locale.

    • 2

      Settori di approfondimento

      Interpretazione dei processi di trasformazione delle civiltà umane, ricerca storica all'interno dei progetti di recupero e gestione del patrimonio tecnico ed industriale, in forte interazione con i diversi settori scientifici convergenti in questo ambito di interessi interdisciplinari.

      • 3

        Ambiti occupazionali

        Il corso forma specialisti che potranno lavorare in istituzioni governative e territoriali, nei settori dei servizi culturali e del recupero di attività, tradizioni e identità locali. La specializzazione sul Patrimonio industriale, in particolare, forma personale in grado di ricoprire diverse posizioni professionali con competenze multidisciplinari. I laureati potranno valorizzare le conoscenze e competenze acquisite sia presso organismi statali e enti locali (nell'ambito della conservazione dei beni culturali, presso archivi, musei e biblioteche, occupandosi di catalogazione, inventari, collezioni, progetti di recupero e valorizzazione del patrimonio, comunicazione e marketing territoriale), che nel settore privato (in archivi e musei d'impresa, dedicandosi a gestione delle collezioni, comunicazione e marketing d'impresa, giornalismo tecnico e scientifico). Resta aperta per tutti, infine, la possibilità di proseguire gli studi o di accedere all'insegnamento nelle scuole secondo le modalità previste nella specifica regolamentazione ministeriale.