Archivio notizie

Regolamento vigilanza AGID

Regolamento vigilanza AGID

by Giulia Stornaiuolo -
Number of replies: 0

L’Agenzia per l’Italia Digitale di seguito AgID, con comunicato pubblicato in G.U. n. 29 del 04/02/2021, ha ridefinito il «Regolamento recante le modalità per la vigilanza ai sensi dell'articolo 14-bis, comma 2, lettera i) e per l'esercizio del potere sanzionatorio ai sensi dell'articolo 32-bis del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 e successive modificazioni».

Il Regolamento, entrato in vigore il 5 febbraio 2021, attribuisce all’AgID funzioni di vigilanza ex art. 14 bis, comma 2, lett. i), sui servizi fiduciari ai sensi dell’ art. 17 del Regolamento UE 910/2014, in qualità di organismo a tal fine designato, sui gestori  di  posta  elettronica  certificata,  sui soggetti qualificati o accreditati che erogano servizi di conservazione a norma dell'articolo 34, comma 1-bis, lettera b, nonché sui soggetti, pubblici e privati, che partecipano a SPID di cui all'articolo 64 CAD. 

In particolare, la comunicazione di avvio del procedimento conterrà l’indicazione del Responsabile del procedimento, l'oggetto della verifica e l’indicazione che la fase di verifica si concluderà entro 180 giorni e che l’intero procedimento si concluderà entro 280 giorni, salvo eventuali sospensioni indicate nel Regolamento. Entro 90 giorni dalla notifica della comunicazione di avvio del procedimento , il Responsabile  redige un rapporto di verifica nel quale potrà formulare rilievi, distinti in ”osservazioni” e “non conformità".

L'AgID, relativamente alle violazioni accertate a carico dei soggetti vigilati, potrà irrogare le sanzioni amministrative di cui all'articolo 32-bis , fissate nel minimo in euro 4.000,00 e nel massimo in euro 40.000,00 in relazione alla gravità della violazione  accertata  e  all'entità  del  danno provocato all'utenza. Infine, potrà altresì disporre: a) la  cancellazione  del  fornitore  dall'elenco pubblico, b) il divieto di accreditamento o qualificazione per un periodo fino ad un  massimo  di  due  anni, c) infine, la sanzione  amministrativa accessoria della pubblicazione dei provvedimenti di diffida o di cancellazione secondo la legislazione vigente in materia di pubblicità legale.