Archivio notizie

VERIFICA OFFERTE ANOMALE - DISCREZIONALITA' E MOTIVAZIONE

VERIFICA OFFERTE ANOMALE - DISCREZIONALITA' E MOTIVAZIONE

by Mauro Sessa -
Number of replies: 0

Il giudizio finalizzato alla verifica dell’attendibilità e della serietà dell’offerta ha natura globale e sintetica, dovendo risultare da un’analisi di carattere tecnico delle singole componenti dell’offerta, al fine di valutare se l’anomalia delle diverse comporta l’inaffidabilità complessiva dell’offerta).

Tale giudizio costituisce espressione di una valutazione tecnica riservata all’Amministrazione ed è dunque insindacabile in sede giurisdizionale, salvo che nelle ipotesi di manifesta e macroscopica erroneità od irragionevolezza.

In particolare, i valori del costo del lavoro risultanti dalle tabelle ministeriali costituiscono un semplice parametro di valutazione della congruità dell’offerta, con la conseguenza che l’eventuale scostamento delle voci di costo da quelle riassunte nelle tabelle ministeriali non legittima di per sé un giudizio di anomalia o di incongruità, occorrendo, perché possa dubitarsi della sua congruità, che la discordanza sia considerevole e palesemente ingiustificata.

L’esclusione dell’anomalia non richiede una motivazione puntuale ed analitica, essendo sufficiente anche una motivazione espressa per relationem alle giustificazioni rese dall’impresa offerente, al contrario di giudizio negativo in cui sussiste invece l’obbligo di una motivazione puntuale.

(TAR LAZIO – ROMA, SEZ. III QUATER  sentenza 26 aprile 2019 n. 5253)